Via degli Orfani, 91
00186 - Roma
Tel.: 06.47884804
Cel.: 327.8455000
Lun-Sab 9:00 - 19:30


Il Tesoro della Sanità. Nel quale s’insegna il modo di conservar la Sanità, & prolungar la vita, & si tratta della natura de’cibi, & de’Rimedij de’Nocumenti loro

In 16° (155×100 mm.), cc.8 + pp.326. Legatura coeva in pergamena, titolo manoscritto al dorso a due nervi; strappo nella parte superiore dell’ultima carta e restauri al frontespizio ma nel complesso esemplare in buono stato.

Cinquecentina veneziana di questo trattato circa gli effetti del cibo e del vino sulla salute, pubblicato per la prima volta in latino a Pesaro nel 1565 col titolo “De bonitate et vitio alimentorum”; la prima edizione in volgare apparse invece a Roma nel 1586. Il trattato, improntato al classico modello del “regimen sanitatis”, discorre dei più svariati alimenti (i frumenti, i vegetali, le carni, pesci, i condimenti, i vini) ed è, di fatto, un rifacimento in volgare di un inedito “De victus et exercitationis servanda ratione” conservato a Modena (Cfr. Kristeller, Iter Italicum, I, p. 387). L’Autore (1529  – 1590) fu medico personale di Sisto V e studioso di botanica.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Categoria: Medicina, Varia
Secolo: 1500-1599