Cl. CLAUDIANI quæ exstant: ex emendatione Nicolai Heinsii.

Venetiis, Pezzana, 1700.

In 16° (130×60 mm), legatura coeva in piena pergamena. Bellissimo frontespizio calcografico. Piccole e minimissime fioriture su alcune carte, per il resto ottimo stato.

L’Autore è stato un poeta e senatore romano, sostenitore del generale Stilicone, nel quale vedeva l’estremo baluardo dell’impero incarnante la virtus della romanità ideale. Tra le sue opere più significative e qui riportate, ci sono poemetti mitologici incompiuti, come il De raptu Proserpinae e la Gigantomachia, nei quali Claudiano fa rivivere lo spirito dell’epos virgiliano e il plasticismo di Ovidio. Si è anche conservato un frammento di una Gigantomachia in greco, che, sia per la lingua che per l’impostazione retorica, è probabilmente anteriore alla venuta del poeta a Roma. Spunti di originalità, infine, compaiono nei cosiddetti “carmina minora”, silloge di 53 poesie di argomento e soprattutto valore poetico vario come, l’Epithalamium dictum Palladio v. c. et Celerinae, la Laus Serenae, l’idillio Magnes, l’idillio Phoenix.

Euro 300

Categoria:

Richiesta/Enquire: Cl. CLAUDIANI quæ exstant: ex emendatione Nicolai Heinsii.

    Nome/First Name

    Cognome/Last Name

    Telefono/Phone

    Email (required)

    Libro/Book

    Messaggio/Notes

    Ho letto l’informativa Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.